Giorgio Lamberti

  • Giorgio nasce a Brescia il 28 gennaio 1969, è un ex nuotatore italiano, prestato per qualche anno alla politica, avendo fatto diversi anni da assessore a Brescia, ora imprenditore e gestore di centri sportivi.
  • È stato il primo nuotatore italiano maschile a vincere una medaglia d’oro in un campionato mondiale
  • è stato inserito nella Hall of fame internazionale nel 2004.
  • A sei anni i dottori gli consigliarono di praticare il nuoto per crescere meglio, essendo di corporatura gracile.
  • Nel 1985, tesserato per la Leonessa Nuoto e allenato da Pietro Santi, vince due medaglie agli europei giovanili di Ginevra.
  • Nel 1986 ha vinto il primo dei suoi campionati nazionali, ed è stato immediatamente inserito nella rosa per i Campionati Mondiali di Madrid, dove è entrato nella finale B dei 200 stile libero e nella 4×200.
  • L’anno successivo Alberto Castagnetti diventa allenatore e mentore di Giorgio per tutto il resto della sua carriera.
  • Agli europei vince l’argento nei 200 SL, sfiora il podio nei 100 e si classifica 8º nei 400.
  • Il 1988 è il primo anno in cui stupisce il mondo: a Bonn stabilisce le migliori prestazioni mondiali dei 200 e 400 stile libero in vasca corta, che all’epoca non erano ancora riconosciuti dalla FINA.
  • Alle Olimpiadi di Seul, in Corea, tuttavia non si qualifica per le finali individuali. Si presentata nel 1989 ai Campionati Europei, in programma di nuovo a Bonn, dove vince le medaglie d’oro nei 100 e 200 stile libero, stabilendo con il tempo di 1’46″69, un record del mondo rimasto indelebile e intoccabile per 10 anni, il periodo più lungo della storia dei 200 (verrà battuto dall’australiano Grant Hackett a Brisbane, nel 1999). Un terzo oro è arrivato nella 4×200 sl.
  • Nel 1991, a Perth, in Australia sale sul gradino più alto dei Mondiali sempre nei 200, arrivando a medaglia anche nei 100 e nella 4×200.
  • Agli Europei “si accontenta” dell’argento nei 200 arrivando alle spalle del polacco Artur Wojdat, e del bronzo nella 100 (oro ad Alexander Popov) e nei 400 (Evgenij Sadovyj).
  • L’ultimo tentativo olimpico arriva nel 1992 alle Olimpiadi di Barcellona. Un quinto posto nella 4×200 è stato il migliore risultato.
  • In carriera, in totale, ha collezionato quattro record mondiali: uno nei 200 stile libero in vasca lunga, due nei 200 in vasca corta, uno nei 400 in vasca corta. Nel 1993 è arrivato il ritiro.
  • Nel 2004 è stato eletto alla Hall of Fame del nuoto internazionale, secondo nuotatore italiano della storia dopo Novella Calligaris.
  • Nel 1998 ha sposato Tanya Vannini con la quale ha avuto tre figli meravigliosi: Matteo, Michele, Noemi.
Carrello
Torna in alto